GROTTAMMARE: 10 COSE DA VEDERE

Gioiellino della provincia di Ascoli Piceno , Grottammare è chiamata la “Perla dell’Adriatico” affacciandosi sul Mar Adriatico. Vantando inoltre di un’interessante nucleo storico è considerato uno tra i borghi più belli d’italia.

Ci son tante cose da vedere a Grottammare ma ecco di seguito le 10 principali attrazioni da scoprire, molte delle quali suggerite anche da TripAdvisor.

Le Chiese :

La Chiesa di San Martino : essa è tra le più antiche abbazie della provincia di Ascoli Piceno. Fondata dai monaci benedettini dell’abbazia di Farfa e risalente al X secolo, conserva un affresco del XII-XIII secolo che raffigura la Madonna del Latte.

La Chiesa di Sant’Agostino invece, altra chiesa storica, custodisce al suo interno un affresco di Vincenzo Pagani e alcune tavole di scuola crivellesca.

Da non perdere anche la Chiesa di Santa Maria dei Monti, conosciuta come Oasi di Grottammare, che si trova sulla sommità di una collina, a circa 400 metri ad ovest dall’antico borgo. Tra le opere d’arte all’interno della chiesa, un affresco di Giacomo Pacchiarotti, e un ritratto di San Francesco di Guercinoda Cento.

Museo Sistino:

Il  museo è ospitato nella chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, con splendida vista sul litorale sottostante. L’edificio medievale, ricostruito dall’architetto Pietro Maggi fra il 1792 e il 1809, fu decorato nel 1911 dal pittore sambenedettese Giuseppe Pauri. Oggetto unico per bellezza e storia è il calice per le celebrazioni liturgiche che Sisto V ha lasciato in eredità al suo paese di origine. Si tratta dell’opera più importante della raccolta, racchiusa in una teca collocata nel fondo della navata.

Castello di Grottammare:

L’edificazione del Castello di Grottammare risale al IX-X secolo. Per raggiungerlo si consiglia di percorrere lo splendido borgo antico a piedi e arrivare fino alla cima dove si potranno ammirare le rovine del fortilizio.

 

Teatro dell’Arancio:

Il Teatro dell’Arancio è uno dei settantatré teatri storici presenti nelle Marche, sedici dei quali si trovano nella provincia di Ascoli Piceno. Infatti dalla fine del XVIII secolo le Marche sono state interessate da una diffusione capillare dei teatri, che ha interessato non solo i grandi, ma anche i piccoli centri.

Il teatro di piazza Peretti deriva il suo nome dalla pianta d’arancio collocata al centro della piazza e custodita da un incaricato comunale, scelto ogni anno tra le famiglie del paese e compensato con l’esenzione dalla imposta di famiglia.

Lungomare De Gasperi:

La località è ideale per gli amanti dello sport; in particolare l’ampia pista ciclabile, che per alcuni tratti è a ridosso del mare, la collega a sud con San Benedetto del Tronto-Porto d’Ascoli e a nord con Cupra Marittima e Pedaso, per un totale di circa 20 km.

Ragazzo con i gabbiani:

È una scultura di Pericle Fazzini, dove proprio a Grottammare vide un ragazzo che raccoglieva conchiglie, con i gabbiani che gli volteggiavano in testa, e anni dopo creò una bellissima scultura.

 

Spiagge:

La spiaggia di Grottammare è caratterizzata da fondali bassi e sicuri e non a caso il centro marchigiano è stato insignito, oltre che con la Bandiera Blu della FEE, con la Bandiera Verde concessa alle spiagge a misura di bambino.

Museo del Torrione:

Il museo ospita un’esposizione permanente dedicata alle circa duecentotrenta opere, realizzate dallo scultore Pericle Fazzini. All’interno si possono ammirare ori, argenti, bronzi, disegni, litografie e oggetti di valore documentario.

Dream Point 43° Parallelo:

Il Dream Point si compone di una scultura di travertino ascolano di 35 quintali, che rappresenta il globo terrestre con al centro una “G” (che sta per Grottammare) attraverso la quale si osserva il mare. Nato da un’idea di Marcello Iezzi , approfondendo l’argomento, ha individuato le città del mondo attraversate da questo stesso parallelo, facendo scoperte davvero sorprendenti, come il fatto che quel filo immaginario passa anche per Santiago di Compostela, Lourdes, Assisi e Medjugorie.

 

Dreamworld:

Nel periodo di Natale non può mancare la visita alla più grande luminaria del Piceno. Inaugurata in piazza Kursaal, DreamWorld è un’istallazione artistica, che rappresenta un grande globo terrestre e  che può essere attraversato dai visitatori che desiderano emozionarsi, varcando la linea immaginaria del 43° Parallelo. La struttura pesa 250 chili, ai quali vanni aggiunti 410 Kg di piedistallo e 270 Kg di zavorra per assicurarne la stabilità. Per illuminarla sono state utilizzate più di 9 mila luci led.

Condividi:

Lascia un commento

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.